La Pasta Madre: Una Magia Casalinga • AnimoVegan

La Pasta Madre: Una Magia Casalinga

da Francesca
La Pasta Madre-Una Magia Casalinga - AnimoVegan.com

In principio furono acqua e farina, poi vennero i batteri e i lieviti che da subito si impegnarono in un continuo, costante lavoro: si mescolavano tra loro, si riproducevano e crescevano continuamente. Insomma, un gran fermento.

La pasta madre è tutta qui: una perfetta armonia di ingredienti e microorganismi in grado di dar vita a sani e profumati prodotti lievitati. Pensavi forse che si trattasse solo di pasta acida?

Quella massa bianca, profumata e gonfia che spesso potresti veder straripare in frigo è viva, ed ha bisogno di cure costanti.

Ha bisogno di essere ascoltata, per così dire: riconoscere il suo peculiare odore acido al punto giusto, la sua consistenza, la sua resa, è la chiave di volta per ottenere il pane perfetto.

Sta a te giocare con temperature, dosaggi e farine, lasciarti trasportare nell’esperienza multisensoriale dell’impasto.

La panificazione casalinga non è un’attività che inizia con la mescolazione degli ingredienti, né finisce con la cottura in forno. Si espande oltre la cucina, portandoti innanzitutto a un contatto più diretto con la materia prima.

Un grande vantaggio rispetto all’acquisto del pane industriale, perché ti permette di evitare ingredienti di troppo come zuccheri aggiunti, agenti lievitanti chimici, conservanti e stabilizzanti.

In fondo, il pane è semplicemente frutto dell’unione di acqua, sale e farina. E parlando proprio di farina, ricorda che è lo specchio della tua pagnotta.

DA CONSIDERARE SULLA PASTA MADRE

Per iniziare è più semplice partire da una farina tipo 0 biologica, che è una anche la più adatta alla crescita e al mantenimento della pasta madre.

E’ una buona base che supporterà anche le miscele più ardite con farine integrali, farine di cereali misti, di riso e qualsiasi altro tipo ti venga in mente.

Fare il pane in casa richiede una certa dose di pazienza ed una certa quantità di tempo. Ma questa tua attesa verrà premiata con un pane più digeribile.

La pasta madre infatti ha una composizione di lieviti e batteri tale da renderla adatta alle lievitazioni lunghe. Questo farà sì che gli enzimi operino a fondo su elementi che altrimenti sarebbero solo parzialmente digeribili.

Il pane con pasta madre, in aggiunta, rispetto a quello con lievito di birra, si mantiene buono molto più a lungo. Si conserva anche per una settimana, il che non ti farà sentire in colpa nello sfornare pagnotte sempre più grandi.

E poi, impastare a ritmo costante pizze e focacce ti manterrà in forma. Ma non saranno solo le tue braccia a muoversi a ritmo cadenzato: panificare richiede un coinvolgimento totale del corpo e della mente, capace di connetterti direttamente con la pasta che prende forma tra le tue dita.

E la pasta madre sarà la fida alleata nei tuoi giochi di pane.

Ma passiamo ai fatti!

COME FARE LA PASTA MADRE

Occorrente:

  • Farina di tipo 0 biologica
  • Acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di zucchero

Procedimento:

  1. Mescola con le mani 100 gr di farina, 50 ml di acqua e lo zucchero, fino ad ottenere una pallina.
  2. Lascia poi riposare l’impasto in un barattolo di vetro coperto solo da una garza per 24 ore.
  3. Preleva circa 100 gr dall’impasto (conserva l’avanzo in un barattolo a parte), scioglilo in 50 gr di acqua, aggiungi 100 gr di farina e lavoralo fino a ottenere una nuova pallina. Questa operazione è chiamata rinfresco.
  4. Lascia riposare ancora per 24 ore nel barattolo.
  5. Ripeti il passaggio 3 e 4 finché la pasta non raddoppierà di volume nell’arco di 4,5 ore. A questo punto la pasta madre sarà pronta.
  6. Conserva la pasta madre in un barattolo di vetro a chiusura ermetica e riponila in frigo. Per tenerla in ottime condizioni, rinfrescala una volta alla settimana, ripetendo il passaggio 3.
Pane fatto con pasta madre - animovegan.com

COME FARE IL PANE CON LA PASTA MADRE

Occorrente:

  • 350 gr di farina
  • 150gr di farina integrale biologica
  • 350 ml di acqua tiepida
  • 200 gr di pasta madre appena rinfrescata
  • 10 gr di sale fino

Procedimento:

  1. In una ciotola, mescola le ferine formando una piccola montagna. Fai un cratere al centro, posaci la pasta madre e scioglila con poca acqua, impastando con le dita.
  2. Incorpora il tutto lentamente, aggiungendo gradualmente l’acqua tiepida e mettendo solo alla fine il sale. Impasta energicamente fino ad ottenere una palla liscia ed elastica.
  3. Copri la ciotola con la pellicola trasparente e lascia lievitare l’impasto per 4-5 ore.
  4. Stendi e allarga con le dita l’impasto su una spianatoia, poi ripiegalo su se stesso facendo tre pieghe da sinistra verso destra. Compatta di nuovo l’impasto, ruotalo di 90° e distendilo con le dita, piegandolo ancora per 3 volte nello stesso senso. Dai alla pagnotta la forma che preferisci.
  5. Lascia lievitare la pagnotta per altre 2 ore in una teglia coperta da pellicola trasparente.
  6. Riscalda il forno a 250°C in modalità statica. Inforna il pane sul piano centrale e dopo 10 minuti abbassa la temperatura a 200°C. Lascia cuocere ancora 40 minuti. Per verificare la cottura, capovolgi il pane e bussa sul fondo: se suona come vuoto, è pronto. Estrai la teglia dal forno e lascia raffreddare il pane su una griglia.

Ora non resta che assaggiarlo! Provalo con una buona marmellata fatta in casa per una merenda sfiziosa e salutare. Oppure provalo ripieno di un buon kebab vegano.

La Pasta Madre-Una Magia Casalinga - AnimoVegan.com

Pasta madre

La pasta madre è tutta qui: una perfetta armonia di ingredienti e microorganismi in grado di dar vita a sani e profumati prodotti lievitati. Provala! Ricette pasta madre, pasta madre vegana, pasta madre per pane European
Porzioni: 1 dose Tempo di preparazione:
Valori nutrizionali 200 Calorie 20 grams Grassi
Voto 5.0/5
( 1 votato )

Ingredienti

  • Farina di tipo 0 biologica
  • Acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di zucchero

Istruzioni

  1. Mescola con le mani 100 gr di farina, 50 ml di acqua e lo zucchero, fino ad ottenere una pallina.
  2. Lascia poi riposare l’impasto in un barattolo di vetro coperto solo da una garza per 24 ore.
  3. Preleva circa 100 gr dall’impasto (conserva l’avanzo in un barattolo a parte), scioglilo in 50 gr di acqua, aggiungi 100 gr di farina e lavoralo fino a ottenere una nuova pallina. Questa operazione è chiamata rinfresco.
  4. Lascia riposare ancora per 24 ore nel barattolo.
  5. Ripeti il passaggio 3 e 4 finché la pasta non raddoppierà di volume nell’arco di 4,5 ore. A questo punto la pasta madre sarà pronta.
  6. Conserva la pasta madre in un barattolo di vetro a chiusura ermetica e riponila in frigo. Per tenerla in ottime condizioni, rinfrescala una volta alla settimana, ripetendo il passaggio 3.
0 commento
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento